"Liù, ricreata da una sottile e sicura Maria Katzarava, dagli acuti puliti, è stata un’altra dei vincitori della serata"

El Periodico de Catalunya, August 2016


"È risaltata senza dubbio la Liù di Maria Katzarava. Artista completa, dal timbro attrattivo e dal fraseggio espressivo , scandisce ogni parola, regolando l’emissione e dimostrando un’innata presenza scenica."

Platea Magazine, August 2016


"La Liù di Maria Katzarava conquistò per qualità, talento e personalità, con pianissimi ferrei e ben eseguiti."

ABC, August 2016


"Il festival ha avuto un’apertura di lusso, grazie alla commovente Liù di Maria Katzarava, in una versione teatrale di stile tradizionale."

El País, August 2016


"Magnifica, con voce intensa e con carattere, la Liù di Maria Katzarava, che ha rotto il ghiaccio del primo atto ottenendo un applauso in Signore ascolta."

La Vanguardia, August 2016


"La messicana Maria Katzarava è stata la grande scoperta della notte, con una vocalità assolutamente affine al personaggio delicato e affascinante di Liù, che rappresenta la parte più emotiva dell'opera, iniziando con l'aria del primo atto e soprattutto nel terzo atto, con il romantico passaggio che precede "Tu che di gel sei cinta", commovente senza precedenti. Katzarava ha superato di gran lunga le insidie di una partitura che richiede pianissimi e messa di voce continui, conquistando il posto di uno dei soprani attualmente meglio preparato per questo tipo di repertorio."

Revista Musical Catalana, August 2016


"Il debutto della cantante messicana nel ruolo di Liù non poteva essere più brillante; la sua è stata una schiava dal canto delicato, ricco di sfumature e di grande forza drammatica sul palco, riuscendo ad ottenere il massimo risultato nei suoi interventi in tutti e tre gli atti."

Docenotas, August 2016


"Una Liù memorabile quella di Maria Katzarava, con frasi di profonda delicatezza. Si vede che il personaggio le calza a pennello per la sua estensione vocale e il suo temperamento attoriale."

Recomana, August 2016


"LLa Marguerite di Maria Katzarava conduce una battaglia tra le forze dell'amore e del male; i suoi acuti sono carnosi, luminosi e conquistatori; la sua presenza oscilla tra la purezza infantile e la generosità femminile; il soprano messicano interpreta un’eroina tanto accattivante quanto esemplare ... "

Le Temps, Giugno 2016


"È stata una piacevole sorpresa la Marguerite di Maria Katzarava, premio Placido Domingo 2008 e soprano dal grande registro e dagli acuti ben eseguiti, che abbiamo avuto la possibilità di apprezzare nelle sue grandi scene. Una scelta meravigliosa!"

Concertclassic.com, Giugno 2016


"Di una qualità vocale e drammatica eccellente è stata la Marguerite interpretata dalla voce luminosa e piena di sentimento di Maria Katzarava"

Le Courrier, Giugno 2016


"Il timbro denso e ricco di Maria Katzarava non è di una donna ingenua, ma la sua voce commuove infinitamente"

Gauchebdo, Giugno 2016


"Il soprano messicano Maria Katzarava ha interpretato un’impressionante Marguerite, imponendo un canto meravigliosamente energico ed elegante. Disciplinato e d’espressione piena di passione. La sua eccellente pronuncia francese, così come la sua attenzione per il rispetto dello stile, hanno aiutato la sua interpretazione. Vocalmente e senza nessun errore ha affrontato un ruolo di grande difficoltà"

Opera OnLine, Giugno 2016


"L’elemento più interessante del nuovo cast, molto distinto e che era stato annunciato all’inizio della stagione, è stato rappresentato dal soprano messicano Maria Katzarava..., che fiorì vocalmente dal secondo atto, con una vocalità fresca e sicura nell’emissione grazie ad un timbro molto attrattivo che senza dubbio la porterà molto lontano nella sua carriera"

Marcelo Cervelló / ÓPERA ACTUAL, Marzo 2016


"Da parte sua, il soprano messicano Maria Katzarava ha donato a Desdemona il suo timbro denso e ricco, sensuale e luminoso, che è perfetto per la moglie del "Moro"; che meraviglia nel primo duo "Già nella notte densa" che interpretò con infinite sfumature; degna di merito, cantò con frasi splendidamente differenziate, bellissimi piani nell’aria del salice, oltre ad una "Ave Maria" che ha fatto uscire le lacrime"

Emmanuel Andrieru / Qlassiquenews, January 2016


"Con il suo debutto al Liceu eclissò il resto del cast, la soprano messicana di origine georgiana, Maria Katzavara. Ha uno strumento generoso, una voce lirica e corposa con attrattivi riflessi oscuri, registro omogeneo, acuti sicuri, centro corposo, ha saputo brillare in tutti i suoi interventi e firmare un quarto atto con una Canzone del salice incontaminata e una Ave Maria convincente e tecnicamente ineccepibile"

Jordi Maddaleno / Platea Magazine, España, gennaio 2016


"La voce fresca, giovane e di ampia tessitura di Maria Katzarava ha dato vita a una Desdemona tanto delicata quanto di carattere, fornendo un generoso e ben gestito uso dei regolatori, con un fraseggio spontaneo, espressivo e molto ricco dal punto di vista teatrale; si è sempre mossa con convinzione ed il suo timbro si evidenziò sia nel quartetto che nel settetto, sempre misurando la sua forza e applicanto bei colori al suo canto. Come nel primo cast, Desdemona ha vinto"

Pablo Meléndez-Haddad / ABC, España, gennaio 2016


"Maria Katzarava una Violetta di prim'ordine: la presenza scenica è sanguigna, vibrante, incandescente ed efficace..."

L'Ape musicale, Italia, decembre 2015


"Maria Katzarava ha debuttato a Oviedo come Amelia d'Egmont, personaggio complesso sia dal punto di vista drammatico che vocale, che Katzarava ha affrontato con severità, facilità negli acuti ed un timbro di un colore drammatico molto preciso nel registro centrale della sua voce"

El Comercio, Spagna, decembre 2015


"La sorpresa per il pubblico è arrivata con la presentazione al Campoamor della soprano messicana Maria Katzarava. Alla sua Amelia d'Egmont ha dato entità drammatica più che sufficiente e su di lei ha costruito un ruolo con una vocalità nella quale ha esposto una tessitura particolarmente fortunata sia nel registro acuto che in quello centrale, con ampiezza nell'emissione, e un timbro di bellissimi accenti drammatici. Tutta una scoperta"

La Nueva España, Spagna, decembre 2015


"La debuttante soprano messicana Katzarava risultò perfetta per il ruolo, di un bel colore, chiara emissione, ampia gamma di sfumature e soprattutto una presenza scenica che ha eclissato il resto del cast. Bisognerà seguire "La Katzarava" sin da ora, perché ha una lunga carriera davanti"

Pablo Siana Blog, Spagna, decembre 2015


"Maria Katzarava come Amelia è stata la parte migliore della serata [...] con un ruolo molto impegnativo per quanto riguarda la musicalità nei suoi acuti, e che aveva il pericolo di ricorrere costantemente a uno scomodo registro centrale e grave, sempre molto pericoloso da controllare per una soprano con queste caratteristiche, e che Katzarava ha risolto senza problemi"

Opera World, Spagna, decembre 2015




"Maria Katzarava è stata una Liù degna di essere ricordata. Con la sua voce ha fatto inchinare verso il palco tutto il pubblico"

www.giornaledellumbria.it


"Quella che però permane come una voce sincera fra le asperità del nugolo di fumo da cui nasce e dove ritorna Turandot dopo aver emesso la condanna, è sempre la Liù di Maria Katzarava: commovente e attoriale nel canto e nelle movenze affrante, merita un palco d'onore solo lei."

www.gothicnetwork.org


"La Liù di Maria Katzarava è cantante finissima, voce casta, tecnica infallibile: bravissima"

www.cittanuova.it


Maria Katzarava non ha la voce di un’innocente ragazzina ma quella di una donna coraggiosa. Canta Je dis que rien ne m’épouvante con una bella prestanza. È una voce che rassicura. Non temiamo niente per lei. Saprà affrontare i venti e le tempeste. Maria Katzarava ha saputo sedurre con un bellissimo timbro che rende credibile la giovinezza del personaggio e un colore scuro che caratterizza una certa maturità. Ha meritato pienamente l’ovazione del pubblico alla fine dello spettacolo.

By Brigitte Maroillat

Sin duda, la noche fue de Katzarava. Ella se impone vocalmente como una consumada artista de nivel internacional, idiomática, con dominio completo de su instrumento, agudos vibrantes y una musicalidad que me hizo recordar a la gran soprano española Victoria de los Ángeles. Sólo con su famosa aria “Je veux vivre” despertó la ovación de los asistentes.

Gabriel Rangel. Periódico “El Norte”.

Apoyan a nuevas generaciones de ópera y nuevos públicos

“La soprano Maria Katzarava, quien realiza el papel de Julieta en la obra Romeo & Julieta, impartió una master class para alumnos de la Facultad de Música de la UANL como parte del programa Opera Nuevo León, reafirmando su compromiso por realizar una labor didáctica para apoyar a las nuevas generaciones y formar nuevos públicos.

Durante más de cuatro horas la maestra estuvo frente a un nutrido grupo de estudiantes, muchos de ellos que tuvieron la oportunidad de pasar a interpretar una pieza con el acompañamiento al piano de Abdiel Vázquez.

En su oportunidad cada uno de los estudiantes cantó y luego se sometió a una evaluación de parte de la maestra Maria Katzarava. En ésta ella resaltó sus cualidades, ya que todos compartían un talento innato, pero también les señaló sus áreas de oportunidad y les dio consejos para lograr un canto mucho más refinado.

Es muy importante para mí tener este tipo de experiencias porque es la oportunidad de conocer las voces mexicanas del futuro y nos da la oportunidad de estar en contacto con ellos y poder ofrecerles las herramientas para que les sea más fácil el camino en el futuro porque la voz es un instrumento muy complicado y que merece toda la atención.”

Lilia Reyes, Regio, México 2014.


"... Un bel timbro e da un grande temperamento che le ha permesso di padroneggiare la scena dando vita ad una credibilissima Nedda ."

AlbusPuglia 2014, Italy.


Una Nedda di intensa tenerezza è Maria Katzarava

Franco Chieco/ Contrapunto 2014, Italy.


Fin dalla prima recita è risultata particolarmente fruttuosa la combinazione fra una voce timbrata dolce e sensuale e una tecnica d'emissione così ben rifinita da permettere alla Katzarava di abbandonarsi all'edonismo di un canto dal pathos caloroso ed emozionante.

Ape Musicale. José Noé Mercado. Messico 2014.


"Mexican soprano Maria Katzarava was a stunning Violetta. Her interpretation here in South Florida of Gounod's Juliette and Donizetti's Lucia have revealed her acting and singing talents. With Verdi's heroine, she outdid both of her previous performances. Katzarava sings Act I with an interesting bit of vulgarity in her voice and demeanor: her 'Sempre libera' was a jewel, full of brashness and challenge. One heard her voice transform in the following act, as she sang of her suffering. In a marvelous final act, the spasms in Katzarava's voice made the audience share her pain and death in a powerful way."

OPERA NEWS. Miami 2013


Tra i cantanti, splendide le prove del soprano Maria Katzarava (Elvire)

La repubblica. Italia 2013.


Veniamo alle esecuzioni vocali: perfetta la Elvira del soprano messicano Maria Katzarava

Gianfranco Scavuzzo. Italia 2013.


"The Mexican soprano Maria Katzarava made a deeply affecting Juliette, giving an impassioned, gorgeously sung performance that would by itself made the production a success"

David Flesher. Classical review. Miami 2012.


The title roles were suitably cast with young singers. The 27-year-old Mexican soprano Maria Katzarava appeared as Juliette. Her power and technique were impressive, and she charmed with the subtlety of her phrasing.

Nicolas Blanmont. Switzerland 2011.


"Her replacement for the last two performances, an even younger Mexican soprano called Maria Katzarava could go a lot further. Niftier negotiating the small notes of 'Je veux vivre' and singing far better, French, hers is a surprisingly substantial lyric soprano, shot with silver ( like many of the great French coloraturas ) and technically very sound. At only 26, there is immense promise here. "

OPERA. Hugh Canning. London 2010.


Among the women Mexican- born Maria Katzarava emerged the winner with a stunning performance of - Amour ranime mon courage - from Gounod's Romeo et Juliette.

La scena musicale. Quebec 2008.